Muri, 17 Giugno

Volerci provare è l’inizio della lotta che ci renderà liberi. Abbatterà i muri che ci imprigionano.Testo Base pag. 94


Molti di noi sono arrivati in NA emotivamente distrutti. Anni trascorsi a usare le persone e a consentire loro di usare noi hanno compromesso la nostra capacità di confidare negli altri e in noi stessi. Ma l’amore e l’accettazione che abbiamo trovato in NA ci incoraggiano a tendere la mano e ad avvicinarci agli altri.

Più a lungo restiamo puliti, maggiore è il desiderio di rapporti profondi con i nostri cari. Abbiamo cominciato a chiedere aiuto profondamente e in modi più efficaci, anche se questo ci avrebbe potuto ferire. Nonostante la paura del rifiuto abbiamo deciso di assumerci il rischio di rivelare noi stessi, le nostre idee e i nostri bisogni. Abbiamo deciso di lasciar cadere i nostri muri difensivi.

La libertà che ne abbiamo ricavato è valsa il rischio che ha comportato. Sappiamo che c’è ancora del lavoro da svolgere prima di essere completamente liberi dalle barriere costruite durante anni di dipendenza attiva. Ma, tendendo la mano agli altri dipendenti e permettendo loro di aiutarci, nonostante i nostri fallimenti umani, ci siamo resi conto che la nostra capacità di amare e di instaurare relazioni profonde è davvero grande. Liberati dalle mura che li imprigionano, i nostri cuori diventano davvero forti.


Solo per oggi: Demolirò i miei muri personali e andrò verso gli altri. Lascerò al mio cuore la possibilità di amare e di essere amato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

X